Menu Chiudi

Standard di razza

Vediamo come deve essere un Labrador di razza morfologicamente perfetto per quanto riguarda il cranio, occhi, denti, orecchie, arti anteriori e posteriori, coda, colore, mantello, taglia e non per ultimo il carattere di questo stupenda razza canina.

Paese di origine: Gran Bretagna
Data di pubblicazione dello standard d’origine in vigore: 12/01/2011
Utilizzo: cane da riporto

Classificazione FCI:
gruppo 8 (Cani da riporto, cani da cerca e da acqua );
sezione 1 (Cani da riporto);
Con prova di lavoro.

Brevi cenni storici:

E’  credenza popolare che il Labrador Retriever sia originario delle coste della Groenlandia dove si era visto che i pescatori usavano un cane simile per recuperare il pesce. È un eccellente cane da acqua, e il suo mantello resistente alle intemperie e la coda unica, paragonabile a quella di una lontra per la sua forma, ne enfatizzano le caratteristiche.

Relativamente parlando, il Labrador non è una razza molto antica, dato che il suo Club si è formato nel 1916 e lo “Yellow Labrador Club” è stato fondato nel 1925. Fu nelle prove su campo che il Labrador ha cominciato a farsi conoscere; essendo stato originariamente introdotto in questi ambiti da Col Peter Hawker e dal Conte di Malmesbury negli ultimi anni del 1800. La contessa Lornam di Howe ha descritto il cane di nome “Malmesbury Tramp” come una delle “fondamentali radici” del moderno Labrador.

Di costruzione robusta, compatto, molto attivo; (il che esclude eccessivo peso corporeo o sostanza); cranio largo; torace e cassa toracica larghi e alti; rene e posteriore larghi e forti.

Il Labrador è un cane estremamente affettuoso, ubbidiente che si adatta facilmente. È vivace ma mai aggressivo, esuberante ma nello stesso tempo delicato, quindi molto adatto alle famiglie con bambini.È un cane che socializza con gli altri animali ed è molto intelligente. Non ha problemi di nutrizione ed ha una costituzione molto sana e robusta. Una cosa sola non si può chiedere a un Labrador: di essere un cane da difesa!

La testa del Labrador deve essere arrotondata senza guance carnose per dare l’immagine di un cane forte e potente come è in realtà. Stop ben definito.

Tartufo largo con narici ben sviluppate.

Collo di bella linea, forte e poderoso.

Di colore marrone o nocciola, occhi troppo chiari sono considerato un difetto.

Gli occhi dei Labrador esprimono comunque molta dolcezza e intelligenza.

La dentatura del Labrador deve avere una chiusura regolare a forbice, la mascella superiore e inferiore devono avere la stessa lunghezza.

Le orecchie di un Labrador non devono essere larghe e pesanti, portate pendenti vicino alla testa e attaccate un pò arretrate.

Attacco alto, coda grossa e piena arrotolata sul dorso. La coda abbassata deve raggiungere all’incirca l’articolazione del garretto.

Arti anteriori
Le spalle sono lunghe e oblique. Guardato sia dal davanti che dal profilo, gli arti devono essere perpendicolari al suolo e devono avere una buona ossatura.

Arti posteriori
Il posteriore di un Labrador deve essere ben sviluppato, non inclinato verso la coda. Le ginocchia ben fisse, garretti perpendicolari al suolo. I garretti vicini vengono considerati un difetto.

La coda è molto grossa verso la base e si assottiglia gradualmente verso la punta, come quella della lontra. Deve essere di lunghezza media, senza frange e ricoperta da un pelo corto, fitto e folto.

Se la coda è arricciata e molto lunga viene considerato difetto.

Il mantello del Labrador deve avere un pelo corto e fitto, senza frange ondulate e deve risultare piuttosto duro al tatto. Il sottopelo del Labrador è resistente all’umidità e insensibile all’acqua.

Altezza ideale al garrese:

Maschi cm 56-57
peso compreso tra i 31 e i 40 kg

Femmine cm 54 – 56
peso compreso tra i 27 e i 34 kg

 

Lo standard del Labrador comprende 3 colori uniformi:

  • nero
  • giallo
  • cioccolato.

Il mantello miele varia dal crema chiaro al crema scuro ma non deve essere troppo accentuato (rosso volpe).

Nei labrador neri ` accettata una macchia chiara nella parte anteriore del petto, mentre è coniderato difetto un labrador troppo chiaro o bianco.

Gene del colore:

i geni che governano il colore nel labrador retriever

Due set di geni (E,B), non uno, controllano la colorazione del mantello del Labrador.
Un set (E o e) controlla insieme sia il colore scuro (nero e cioccolato) sia quello chiaro (giallo).

I Labrador con genotipo EE (omozigote dominante) o Ee (eterozigote) saranno scuri (neri e/o cioccolato). I Labrador che sono, invece, ee (omozigote recessivo) saranno chiari (gialli e/o ‘dudley’).

nero
Il secondo set di geni influenza il colore scuro del Labrador (B o b). Questo set controlla che il Labrador sia nero (caratteristica dominante) o cioccolato (caratteristica recessiva) ambedue dominanti sul chiaro. Il cane scuro BB (omozigote dominante) o Bb (eterozigote) sarà nero. L’unica possibilità per un Labrador cioccolato sarà quella di essere scuro (EE o Ee) è bb (omozigote recessivo).

cioccolato
Semplificando, le possibilità per Labrador neri sono EEBB, EEBb, EeBB o EeBb. Le possibilità per Labrador gialli sono eeBB, eeBb o eebb*. Infine, le possibilità per Labrador cioccolato sono EEbb o Eebb. Ricordatevi che i cuccioli prenderanno una E,e (maiuscola o minuscola) dalla mamma e una dal babbo, così come una B,b (maiuscola o minuscola) dalla mamma e una dal babbo per avere il codice genetico completo.

biondo
Se si accoppiano due genitori che sono entrambi EeBb (manifestano nero), si potrà avere nella cucciolata di tutti e tre i colori! Quindi, si capirà che due gialli potranno solamente avere cuccioli in combinazione ee (gialli). Ecco perché due gialli avranno cuccioli solamente gialli. Nello stesso modo, due cioccolato potranno solamente trasmettere la combinazione bb ai loro figli, così che, i due cioccolato non genereranno mai cuccioli neri.

dudley
L’allele epistatico “E” estende i pigmenti scuri (nero e cioccolato) anche nel mantello, l’allele ipostatico “e” restringe i pigmenti scuri dal mantello. Quindi “ee” è un cane giallo. L’allele epistatico “B” da la possibilità di avere pigmento nero, così come l’allele ipostatico “b” da la possibilità di avere il pigmento cioccolato. Quindi, eeBb è un cane giallo che ha pigmento nero, ma conserva nei suoi geni il pigmento cioccolato. Ricordatevi che “B” rappresenta solamente la possibilità di avere pigmento nero o cioccolato.

l’eebb (dudley)
È un caso interessante: è un Labrador giallo con la pigmentazione da Labrador cioccolato (naso, contorno occhi e contorno bocca), oppure un Labrador di colore rosa (un caso estremamente raro). Un Labrador che è “bb” avrà sempre questa pigmentazione. Negli standard correnti, un Giallo con pigmentazione cioccolato (dudley) non è riconosciuto ufficialmente dallo standard diella razza.

I possibili accoppiamenti tra soggetti fenotipicamente diversi nel Labrador Retrever sono 10 (4 con soggetti dudley), mentre sono 81 gli accoppiamenti totali. Di questi 81 accoppiamenti, 9 non sono stati conteggiati perché dovrebbero avvenire con almeno uno dei due soggetti parentali dudley (eebb) e altri 36 perché sono “similari” (non sono state conteggiate, infatti, le ripetizioni alternate – es.: padre x madre o padre x madre).

Accoppiamento tra soggetti di fenotipo nero

Accoppiamento tra soggetti di fenotipo nero e fenotipo marrone

Accoppiamento tra soggetti di fenotipo nero e fenotipo giallo

Accoppiamento tra due soggetti di fenotipo marrone

Accoppiamento tra due soggetti di fenotipo giallo

WhatsApp chat

Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche e di terze parti. NON utilizziamo cookie di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie:
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy